martedì 3 novembre 2015

Comune dei martiri BEATO FRANZ JÄGERSTÄTTER, PADRE DI FAMIGLIA, FRANCESCANO SECOLARE E MARTIRE al 9 agosto


9 agosto
BEATO FRANCESCO JÄGERSTÄTTER,
PADRE DI FAMIGLIA, FRANCESCANO SECOLARE E MARTIRE


Vedi Profilo CFS
beato Franz Jaegerstaetter

Nato nel 1907 a St. Radegund in Austria, ha rifiutato ogni collaborazione con il regime che ha preso il potere in Austria nell’ano 1938. Dopo essere stato varie volte chiamato al servizio militare, egli ha posto un fermo rifiuto a causa della sua coscienza e del comandamento divino di amare Dio eil prossimo, perché diceva "si deve obbedire a Dio più che agli uomini". A causa della distruzione della disciplina militare egli fu decapitato il 9 agosto 1943 a Brandenburgo an der Havel e fu trovato degno di partecipare alle sofferenze di Cristo.

Comune dei martiri: per un martire nel tempo pasquale

COLLETTA

Dio o­nnipotente ed eterno,
che hai dato al beato martire Francesco Jägerstätter la forza di lottare fino alla morte per la fede;
fa che, per sua intercessione,
possiamo camminare con cuore sincero verso te solo, che sei la nostra vita e salvezza.
Per il nostro Signore Gesü Cristo, tuo Figlio, che e Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

RESPONSORIO cfr. Rom 8,35.37-39

R Chi ci separerà dall’ amore di Cristo? Sarà forse la tribolazione, 11 angoscia, la perseeuzione, la faule, la nudità, il pericolo, la spada? * Ma, in tutte queste cose, noi siamo più ehe vineitori, in virtù di eolui ehe ei ha amati.

R Infatti sono persuaso che ne morte, ne vita, ne angeli, ne principati, ne cose presenti, ne cose future, ne potenze, ne altezza, ne profondità, ne alcun’ altra creatura potranno separarci dall’ amore di Dio che e in Cristo Gesù, nostro Signore. * Ma, in tutte queste cose, noi siamo più che vincitori, in virtù di colui che ci ha amati.

Comune dei martiri - PDF

LITURGIA DELLE ORE


Ufficio delle Letture
SECONDA LETTURA

Dagli seritti dal carcere del Beato Francesco Jägerstätter, Teziario francescano, Padre di famiglia e martire (luglio/agosto 1943).

Scriverò solo qualche parola, così come essa mi esce dal cuore. Scrivo con le mani legate, ma è meglio così che se fosse incatenata la volontà. Talvolta Dio ci mostra apertamente la sua forza, che Egli dona agli uomini che lo amano e non preferiscono la terra al cielo. Né il carcere, né le catene e neppure la morte possono separare un uomo dall’amore di Dio e rubargli la sua libera volontà. La potenza di Dio è invincibile.
Siate ubbidienti e sottomettetevi alle autorità: queste parole vi arrivano oggi da ogni parte, anche da persone che non credono quasi per nulla in Dio e alle Sacre scritture.
Se ci si dedicasse con la stessa assiduità con cui si è tentato di salvarmi dalla morte terrena a mettere in guardia ciascun uomo contro il peccato mortale, e perciò contro la morte eterna, ci sarebbe davvero già il paradiso in terra.

C’è sempre chi tenta di opprimerti la coscienza ricordandoti la sposa e i figli. Forse le azioni che si compiono diventano giuste solo perché si è sposati e si hanno figli? O forse l’azione è migliore o peggiore solo perché la compiono anche altre migliaia di cattolici?
Forse anche fumare è diventato una virtù perché lo fanno migliaia di cattolici? Si può allora anche mentire perché abbiamo moglie e figli e per di più giustificarsi attraverso un giuramento? Cristo stesso non ha forse detto: “Chi ama la moglie, la madre e i figli più di me non è degno di me”? Per quale motivo preghiamo Dio e i sette doni dello Spirito santo, se dob-biamo comunque prestare in ogni caso cieca obbedienza? A che pro Dio ha fornito agli uomini un intelletto e una libera volontà se non ci è neppure concesso, come alcuni dicono, di giudicare se questa guerra che la Germania sta conducendo sia giusta o ingiusta? A cosa serve allora saper distinguere tra bene e male?
Io credo che si possa anche prestare cieca obbedienza, ma solo se così facendo non si danneggia nessuno. Se al giorno d’oggi gli uomini fossero un po’ più sinceri ci dovrebbe essere, credo, anche qualche cattolico che dice: “Sì, mi rendo conto che quello che stiamo compiendo non è bene, tuttavia non mi sento ancora pronto a morire”.

Se Dio non mi avesse dato la grazia e la forza di morire, se necessario, per difendere la mia fede, forse farei semplicemente ciò che fa la maggior parte della gente. Dio può infatti concedere la propria grazia a ciascuno come Egli vuole. Se altri avessero ricevuto le molte grazie che ho ricevuto io, forse avrebbero fatto cose molto migliori di me.
Forse molti pensano di essere tenuti a sopportare il martirio e a morire per la loro fede solo quando si pretenderà da loro di abbandonare la Chiesa. Io mi azzardo a dire molto apertamente che chi è pronto a soffrire e a morire, piuttosto che offendere Dio con il più piccolo peccato veniale, è anche disposto a morire per la propria fede. Questi avrà maggior merito di chi viene condannato pur di non abiurare pubblicamente la Chiesa, perché in questo caso si ha semplicemente il dovere, se non si vuol commettere peccato grave, di morire piuttosto che obbedire.
Un santo disse: “Anche se una sola menzogna detta per adeguarsi alle circostanze permettesse di spegnere tutto il fuoco dell’inferno, non bisognerebbe dirla perché mentendo, anche per necessità, si offende Dio”. Qualcuno potrà pensare che simili considerazioni nel XX secolo possono sembrare ridicole. Sì, è vero, noi uomini siamo cambiati in molte cose, ma Dio non ha tolto uno iota dai suoi comandamenti. Perché poi si vuole sempre cercare di rimandare la morte, come se non si sapesse che prima o poi dovrà arrivare? Forse i nostri santi si sono comportati così? Non credo proprio. O forse dubitiamo della misericordia di Dio, come se potesse davvero aspettarci l’inferno dopo la nostra morte. In realtà me lo sarei meritato, con i miei numerosi e gravi peccati, ma Cristo non è venuto nel mondo per i giusti, bensì per cercare ciò che era smarrito.

E affinché nessun peccatore debba avere dubbi, ce ne ha dato un esempio proprio in punto di morte, salvando il buon ladrone.
Non avremmo mai alcuna serenità su questa terra se sapessimo che Dio, il Signore, non ci perdona e perciò dopo la morte dovremo vagare per sempre nell’inferno. Se pensieri del genere non portano alla disperazione l’uomo, ciò significa che egli non crede più in una vita oltre la morte, o che si immagina l’inferno come un locale di divertimenti, dove c’è sempre allegria. Se un nostro buon amico ci proponesse un lungo viaggio di piacere, naturalmente gratis e con trattamento di prima classe, cercheremmo di rimandarlo continuamente o addirittura lo terremmo in serbo per la vecchiaia? Non credo proprio. E cos’è dunque la morte: non si tratta anche in questo caso di un lungo viaggio che dovremo fare, anche se da questo non ritorneremo? Ma può esservi un momento più gioioso di quello nel quale ci accorgeremo di essere felicemente approdati sulle rive del paradiso? Naturalmente non dobbiamo dimenticare che prima ci dovremo purificare nel purgatorio, ma esso non dura in eterno e chi in vita si è sforzato di aiutare con le proprie preghiere le povere anime dei morti ed è stato devoto alla Madre di Cristo può essere sicuro di non doverci stare a lungo. Si potrebbe quasi svenire nel pensare alle gioie eterne del cielo! Come ci rende subito felici una piccola gioia che proviamo in questo mondo! Eppure che cosa sono le brevi gioie terrene rispetto a quelle che Gesù ci ha promesso nel suo regno? Nessun occhio ha mai visto, nessun orecchio ha mai udito e nessun cuore d’uomo ha mai conosciuto ciò che Dio ha preparato per coloro che lo amano.


La lettera "Vi scrivo con le mani legate" del beato Franz Jägerstätter è stata scritta pochi giorni prima della sua decapitazione in un carcere nei pressi di Berlino, il 9 agosto 1943. E' conservata nella basilica di S. Bartolomeo all'isola, voluta da SS. Giovanni Paolo II nell'anno 2000, quale chiesa-memoriale dei martiri del XX secolo.